Slide background

La Via del Bosco

Risveglia i sensi e lasciati guidare sino a noi.

Come nasce Menghino

Siamo due amanti della natura e della campagna, incontrate per caso lungo “La via del bosco”.

Ho incontrato Carla per caso, un giorno d’estate in un ufficio al secondo piano, una stanza decorata con tantissimi libri, fotografie e ricordi di una vita dedicata alla pubblica istruzione ed ai servizi educativi. Mi avevano consigliato di andare a fare quattro chiacchiere con lei, un’ex insegnante, una donna sensibile a temi che io stessa ho sempre portato nel cuore.

É proprio per una passione che ho incontrato Carla.

Entrambe amiamo la natura e stare all’aria aperta; la fatica del lavoro in campagna e la soddisfazione del riposo, con i muscoli dolenti, e noi davanti ad un fuoco scoppiettante a bere del thé; amiamo i tempi lenti e l’educazione altrettanto lenta, rivolta ad adulti e bambini. L’amore per i piccoli gesti e le piccole cose, specialmente per gli oggetti creati da un riciclo, l’amore per la manualità e per quell’oggetto che può sempre avere una seconda vita; l’attenzione ai bisogni altrui, siano essi persone o animali.

Il nostro viaggio è iniziato quel giorno facendoci finire, dopo una serie di  divagazioni, a Casore del Monte all’Ariturismo Menghino: ci siamo legate al luogo e al paesaggio, alla gente e alle loro tradizioni, agli animali selvatici e a quelli “domestici”. Insomma ci siamo letteralmente innamorate di tutto questo.

Ci sono degli aspetti del carattere che ci portiamo dietro, un corredo genetico di cui, purtroppo e per fortuna, non possiamo fare a meno, che risiede nell’ambiente socio/culturale in cui siamo cresciuti, molto altro risiede nel nostro nome.

Agricola

Agriturismo

Camere

La nostra filosofia

La nostra è una filosofia del tempo lento, è un modo di vivere e vedere le cose. É un modo di interpretare, di sentire e vivere tutto ciò che ci circonda: “più lenti, più profondi e più dolci”.

Le parole che più ci rappresentano in questo momento vorrei “rubarle” alla memoria di un pedagogista, dirigente scolastico, che si è dedicato per molti anni all’insegnamento scolastico, all’educazione di una scuola lenta e non violenta: Gianfranco Zavalloni.